Dal Presena alla Biennale di Venezia: i teli salva-ghiaccio diventano installazioni artistiche

Questa settimana hanno preso il via i lavori di preparazione per la stesura dei teli geotessili, che da oltre un decennio proteggono nei mesi più caldi il ghiacciaio Presena. Uno di questi teli è diventato protagonista di un’installazione artistica alla Biennale d’architettura di Venezia che è possibile visitare fino al 21 novembre. “Il fatto che i ‘nostri’ teli siano esposti nel prestigioso contesto della Biennale ci fa sperare che l’interesse per la salute della montagna e dei suoi delicati ecosistemi sia sempre più diffuso” commenta Michele Bertolini, direttore del Consorzio Pontedilegno-Tonale.

Nel dettaglio, l’opera esposta a Venezia nel padiglione Italia è stata ideata da Giovanni Betti, Professore universitario dell’Università della California, Berkeley, insieme all’architetto Katharina Fleck e ai suoi studenti dell'Università delle Arti di Berlino (Universität der Künste UdK) che a marzo con la collaborazione del Prof. Christoph Gengnagel ha organizzato nel proprio atrio la prima installazione con il telo proveniente dal Presena.

 

Condividi sui social
Attenzione!
Per un'esperienza di navigazione completa utilizza il telefono in verticale.
Grazie!